NOSEPOL TOUR. GIRO TURISTICO DI TRIESTE *** SOLO IN ITALIANO! in italian language only***

NOSEPOL TOUR. GIRO TURISTICO DI TRIESTE
Vuoi conoscere Trieste passeggiando in città con la coautrice della guida xenofoba ‘Triestini. No se pol’? Umorismo, echi letterari, riflessioni a margine su un luogo dove si sono incontrate lingue e culture diverse nei secoli. Ed oggi un non-triestino può incontrare difficoltà a farsi servire un semplice cappuccino al bar.
LE TAPPE A PIEDI
Partenza. Molo Audace. La città audace vista da lì. A piedi fino all’ex Pescheria. Trieste ha una scontrosa grazia…e si approda a piazza Venezia. Contemplazione silenziosa della statua di Massimiliano d’Austria e passeggiata per Cavana. Un tempo postriboli, oggi angoli dal vago sapore francese. L’immancabile piazza Unità, per riflettere sull’impossibile unità d’Italia e via nel Canale Ponterosso, passando da Pepi S’ciavo. Il mare intrappolato in un canale. Il porto franco, il porto vecchio, e da lontano l’Ursus che ogni tanto “scampa” per qualche raffica di bora…D’obbligo la foto a braccetto con Joyce sul Ponterosso: della serie Roma ha i gladiatori fuori dal Colosseo, Trieste Joyce che non chiede neanche un euro per uno scatto. Ed è l’uomo che ha osato scrivere un capolavoro mostruoso della letteratura come l’Ulisse (alzi la mano chi l’ha letto). I più letterari possono prima fare sosta nella libreria di Saba dal signor Cerne, in via San Niccolò. A piedi al Caffè San Marco passando da viale XX Settembre. Sosta davanti al tavolo di scrittura di Claudio Magris, e lettura del relativo passo di ‘Microcosmi’. Chiusura musicale con ‘El can de Trieste’, omaggio al grande Lelio Luttazzi.
IMG_2341OLYMPUS DIGITAL CAMERAIMG_6736IMG_6698IMG_7007L11105758054837312_1a2e8525ed_kL1110924IMG_2119

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *